loading
  • Pole position: la storia inizia con la Opel Astra V8 Coupé nel DTM
  • Svevo affezionato: “Jockel” Winkelhock è ambasciatore del Marchio Opel dal 2004
  • Preferiti dai fan: i classici di Winkelhock e Opel attirano la folla ai raduni vintage

 

 Fast times: Joachim Winkelhock da 20 anni alla OpelRüsselsheim. È arrivato alla Opel 20 anni fa come fresco vincitore del circuito Le Mans. Joachim Winkelhock ha gareggiato nel nuovo DTM (German Touring Car Masters) con l’Opel-Astra V8 Coupé da 460 CV. Lo svevo è rimasto fedele al Marchio di Rüsselsheim da allora - per quattro anni come pilota e da 16 anni come ambasciatore del Marchio.

"Joachim Winkelhock è un fantastico ambasciatore del nostro Marchio", afferma Michael Lohscheller, CEO di Opel. "Nonostante tutto il suo successo nel motorsport, è rimasto una persona “normale”, con i piedi per terra e sempre disponibile per i suoi fan. Lo adorano quando guida uno dei nostri classici ai raduni vintage. Con la sua abilità e il suo talento, ha anche sviluppato molti dei nostri modelli sportivi. Grazie, Jockel, per i 20 anni di eccellente lavoro di squadra!

Pilota di Formula 1, campione del British touring, vincitore del DTM e di Le Mans, ambasciatore del Marchio Opel: tutto questo e molto altro è Joachim Winkelhock. Nel Regno Unito, è famoso come "Smokin 'Jo" per il fumo che si sprigiona dai pneumatici posteriori e la sua precedente passione per le sigarette. In Germania, tutti lo chiamano "Jockel", che suona un po' come "fantino" e quindi si adatta alla sua figura minuta.

Jockel ha vinto i campionati tedesco ed europeo di Formula 3 nel 1988 nel team WTS del manager di Michael Schumacher, Willi Weber. Solo un anno dopo, è entrato in F1 con AGS prima di entrare nel mondo delle auto da turismo a tempo pieno. Nel 1993, "Smokin 'Jo" divenne campione del campionato britannico con la BMW. Ha poi incoronato la sua carriera con la squadra bavarese nel 1999 vincendo la leggendaria 24 Ore di Le Mans.

 Fast times: Joachim Winkelhock da 20 anni alla OpelFu a margine di questo classico evento che Winkelhock ebbe i primi colloqui segreti con i rappresentanti di Rüsselsheim. "All'inizio non pensavo di muovermi, ma la gente di Opel mi voleva e non si arrendeva", ricorda. La tenacia ha dato i suoi frutti e Winkelhock è tornato al DTM con Opel nel 2000. "Avevamo dei piloti davvero forti", afferma Jockel, che ha portato l'Astra V8 Coupé in pole position nella sua gara preferita al Norisring di Norimberga. "Come ricompensa, il team ha ricostruito la mia auto prima dell'inizio della gara – l’aveva dotata di spettacolari porte ad ali di gabbiano!". Così hanno ispirato lo svevo che ha prontamente vinto la prima gara. Dopo quattro stagioni DTM con Opel, Jockel ha appeso il casco alla fine del 2003 - per sempre. "Non ho mai più corso di nuovo."

Non più gare da professionista, ma a Jockel piace ancora guidare i gioielli dal forziere di Opel Classic ai raduni vintage. “Ho due auto preferite! Innanzitutto, la Opel Kadett B 1900 Rallye del 1971 guidata da Anders Kulläng. Questa vettura ha reso Opel molto popolare tra i privati ed è qualcosa di simile a un antenato della nuova Opel Corsa-e Rally. Poi c'è la Opel Admiral V8 – un’auto da corsa molto bilanciata. Con la grossa testata V8 che rimbomba sotto il cofano, la Opel Admiral galleggia come un divano su ruote. Preferibilmente con mia moglie Sally seduta accanto a me.”

Purtroppo quest'anno non è stato possibile. Tuttavia, i Winkelhocks hanno compensato provando la Opel Grandland X, il primo ibrido plug-in parcheggiato nel vialetto di famiglia. "Da casa posso scivolare silenziosamente ed elettricamente verso l’autostrada, dove guido con la mia normale auto aziendale da Rüsselsheim."

Torna all'inizio